Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Febbre suina

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Febbre suina   Mar Apr 28, 2009 3:11 am

27/4/2009 da Doctor News
Italia allerta rete di controllo
Allertata la rete di controllo del ministero della Salute dopo i casi di influenza suina verificatisi in Messico e negli Stati Uniti
Dall'Oms si invita intanto ad evitare viaggi nei due Paesi. Il ministero della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali rende noto "che è stata allertata la rete di controllo Influnet del ministero stesso, in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità, e altre strutture per la sorveglianza del virus sul territorio". "Si segnala che l'Italia - si legge in una nota - dispone di un preciso Piano concordato con gli altri Stati dell'Unione Europea di preparazione e risposta ad un'eventuale pandemia influenzale e di ampie scorte di farmaci antivirali da utilizzarsi in caso di necessità". Intanto, riferisce il comunicato, "il sottosegretario Ferruccio Fazio in queste ore sta anche valutando l'opportunità di assumere iniziative relative a controlli alle frontiere". Walter Pasini, direttore del Centro di Global Health dell'Oms, raccomanda invece di evitare viaggi in Messico e di valutare, se il biglietto aereo è già in tasca, se partire alla volta degli Stati Uniti. "Se fosse confermato che la trasmissione del virus dell'influenza suina è avvenuta da uomo a uomo - spiega all'ADNKRONOS SALUTE Pasini - questo indicherebbe un salto di specie compiuto dal ceppo influenzale H1N1: il virus potrebbe quindi essere capace di infettare e propagarsi nell'uomo innescando il rischio di pandemia, non solo in Messico e Stati Uniti, ma anche in Europa". Quanto all'Italia, le scorte di antivirali accumulate negli ultimi anni per mettersi al riparo dal pericolo di una possibile pandemia di influenza aviaria "sono assolutamente scarse - sostiene, diversamente dal ministero, Pasini - rispetto a quelle degli altri Paesi europei. Per di più - aggiunge - le scorte italiane sono composte dal principio attivo, ovvero dal farmaco in polvere. E' necessario dunque trasformarlo in capsule al più presto per prepararci a qualsiasi evenienza". Rassicurazioni arrivano, intanto, dalla associazioni del settore agricolo per quanto riguarda la qualità della carne suina. Da una analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Istat relativi al 2008, emerge che l'Italia non ha importato suini o carne di suino dal Messico. "Occorre evitare inutili allarmismi e adottare subito - sottolinea la Coldiretti - le misure già sperimentate con successo nel caso dell'influenza aviaria a partire dall'obbligo di indicare della provenienza sulle etichette della carne di maiale al pari di quanto è stato già fatto per quella di pollo e per quella bovina rispettivamente dopo le emergenze aviaria e mucca pazza". In Italia, assicura anche la Cia-Confederazione italiana agricoltori, "non c'è alcun pericolo". Né dal Messico e né dagli Usa importiamo maiali. Oltretutto i nostri allevamenti "sono supercontrollati e i produttori operano da anni nell'ottica della sanità e della qualità".
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   Mar Apr 28, 2009 3:15 am

28/4/09 da Doctor News
Cauta attenzione all'influenza suina
Giusto instaurare un coordinamento Ue nell'affrontare l'emergenza della febbre suina, ma per l'Italia i rischi sono, per il momento, ridotti
I casi di febbre suina segnalati aumentano e "siamo ormai a livelli di allerta internazionale più vicini al 4 che al 3 (su un massimo di 6)". Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute, Ferruccio Fazio, parlando ai giornalisti ieri a Milano a margine di un convegno sulla tomoterapia in corso all'Irccs San Raffaele. Le indicazioni delle autorità internazionali "sono che, dal passaggio maiale-uomo al passaggio interumano, il virus potrebbe essersi indebolito. In America - ha ricordato infatti il sottosegretario - le infezioni sono state molto ben gestite e sono stati sufficienti i farmaci antivirali. Questo è fonte di cauto ottimismo, ma sappiamo bene che i virus possono ritrasformarsi successivamente", ha precisato Fazio. "Da un punto di vista della trasmissione - ha aggiunto - rispetto all'influenza aviaria siamo forse a un livello più alto". Il sottosegretario torna comunque a tranquillizzare i cittadini: "siamo più pronti a fronteggiare il virus. I Paesi più a rischio sono quelli con sistemi sanitari meno evoluti".

Questa è anche la posizione del ministro degli Esteri Franco Frattini che, arrivando a Lussemburgo per partecipare al Consiglio affari generali e relazioni esterni con i colleghi Ue, ha dichiarato: "E' positivo il coordinamento Ue nell'affrontare l'emergenza della febbre suina, ma per l'Italia i rischi sono "insignificanti". Ieri mattina a Bruxelles la Commissione ha annunciato di aver chiesto una riunione straordinaria dei Ventisette dedicato all'emergenza, a Lussemburgo è atteso il commissario alla Sanità Androulla Vassiliou. "Tuttavia, ha aggiunto, "sottolineo che per l'Italia i rischi sono insignificanti, anche se è stata attivata un'unità di crisi al ministero della Salute". Comunque, ha ribadito, "tutto quello che serve al coordinamento a livello europeo è assolutamente ben accetto".

Intanto, da questa mattina, è attivo il numero di pubblica utilità 1500 del ministero del Welfare, a cui i cittadini e i viaggiatori si potranno rivolgere per ricevere informazioni sull'influenza suina. Al 1500, che sarà attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20 - si legge in una nota ministeriale - risponderanno medici ed esperti del dicastero appositamente formati. Il ministero "sin dal 24 aprile ha riunito in seduta permanente una Task force di esperti e continua a monitorare ora per ora l'evolversi della situazione in collegamento con gli organismi europei e internazionali. Si comunica che al momento - si legge ancora nella nota - non sono stati segnalati casi confermati di influenza suina nel nostro Paese, e non si è ravvisata la necessità di assumere iniziative relative a controlli alle frontiere".
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   Mar Apr 28, 2009 3:18 am

Farmacisti: inutile la corsa ai farmaci
E' inutile e pericolosa la corsa ai farmaci per 'proteggersi' da un ipotetico rischio di influenza suina. Non è disponibile, infatti, nessun vaccino specifico e non è stato raccomandato l'impiego di antivirali. Attenzione dunque ai messaggi ingannevoli, soprattutto via Internet, che raccomandano l'uso di questo o quel medicinale. A mettere in guardia gli italiani è la la Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi), che invita ad attenersi alle raccomandazioni del ministero del Welfare e rinnova la disponibilità dei farmacisti a collaborare con tutte le iniziative di informazione e comunicazione che il ministero vorrà attuare al riguardo. I farmaci "oseltamivir e zanamivir, spesso citati dai giornali in queste ore - si legge in una nota - non sono vaccini ma antivirali. E per ora, in Europa, nessuna istituzione sanitaria ne ha raccomandato l'assunzione in via profilattica. Infine, vista la confusione riscontrata in alcuni articoli di giornale che hanno definito 'antibiotici' i due farmaci antivirali, ricorda che nessun antibiotico è efficace contro i virus e che l'impiego scorretto di antibiotici genera soltanto pericoli per il singolo e per la collettività". "Raccomandiamo a tutti - ha detto il presidente della Fofi Andrea Mandelli - di mantenere la calma e di evitare l'uso improprio di farmaci senza indicazioni del medico. Mettiamo in guardia, soprattutto, dal dar credito a eventuali messaggi pubblicitari via Internet che sollecitino all'uso di questo o quel medicinale in funzione preventiva, fenomeno che si ripresenta a ogni emergenza sanitaria: dall'allarme antrace a quello per l'influenza aviaria".
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   Mar Apr 28, 2009 8:54 am

A breve il summit sull'emergenza virale (da Farmacista 33 del 28/4/09)
Si terrà il 30 aprile a Lussemburgo l'incontro straordinario dei ministri della Sanità dell'UE...
In rappresentanza dell'Italia, il Sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio, che a Milano, a margine della presentazione del terzo rapporto della Fondazione Rosselli, ha sottolineato come:
"In Europa è da parecchio tempo che ci prepariamo insieme agli altri Paesi europei per questi fenomeni. Negli ultimi tre mesi sono stato almeno tre volte a Bruxelles proprio per parlare di pandemie". A livello mondiale è da tempo che si parla dell'arrivo di una possibile pandemia. "Non sapevamo come sarebbe venuta, né se sarebbe stata una variante dell'aviaria o un'altra cosa, ma sapevamo che sarebbe arrivata e ci siamo preparati. L'Unione Europea può dirsi protetta grazie a una serie di misure che vengono attuate ormai da anni"...

Rispetto all'aviaria, conclude Fazio, la febbre suina ha una differenza buona e una meno buona.
"Quella meno buona è che si trasmette da uomo a uomo, a differenza dell'aviaria, e quindi ha le potenzialità per diventare una pandemia, tanto è vero che ormai siamo in fase 4 di allerta. La notizia positiva, invece, è che nella trasformazione da influenza suino-uomo a quella che si trasmette da uomo a uomo sembrerebbe aver perso virulenza. Tanto è vero che i casi che si sono registrati in America non sono stati gravi e sono stati tutti curati prontamente con antivirali"....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   Sab Giu 13, 2009 10:00 am

Da Doctor News 12/6/09
Febbre suina: Oms dichiara la pandemia
Passo dell'OMS che ha deciso di alzare al massimo il livello di allerta previsto
L'Organizzazione mondiale della Sanità ha deciso di dichiarare il passaggio al livello di 'pandemia', elevando l'allerta per l'influenza A H1N1 dal grado cinque a quello sei, il massimo previsto dall'Oms. E' quanto emerge da un comunicato diffuso ieri pomeriggio dal ministero degli Affari Sociali svedese che ha convocato una conferenza stampa urgente a seguito - si legge nel documento - "della decisione dell'OMS di innalzare il livello di allerta pandemica alla fase sei per l'influenza A (H1N1)". A parlarne con i giornalisti sarà la responsabile del dicastero Maria Larsson, affiancata da alcuni esperti del settore. La conferma ufficiale dovrebbe dovrebbe arrivare nella conferenza stampa convocata dal direttore generale Margaret Chan.
"Non è la pericolosità dell'infezione a motivare la decisione, ma l'elevata diffusione" ha spiegato il Viceministro Fazio (fonte Farmacista 33).
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: PANDEMIA   Mar Giu 16, 2009 9:25 pm

Dall'intervista ad Ana Fernandez-Sesma e ad Adolfo Garcia-Sastre (microbiologi spagnoli che studiano il virus al Mount Sinai Center for Research on Inflenza Pathogenesis di New York) pubblicata su Grazia del 15/6/09, e intitolata "L'influenza suina? non facciamone una malattia", riporto un breve passaggio che può chiarire il concetto di pandemia e rassicurarci.

Che cosa significa esattamente il termine pandemia?
-"E' un'influenza che, anziché restare confinata in un Paese, si diffonde in tutto il mondo.
Quasi sempre è causata da un virus nuovo, contro il quale la popolazione non possiede alcuna protezione immunitaria.
La parola “pandemia” può far paura, ma , in realtà, ha a che vedere più con la diffusione del virus che non con la sua aggressività: un'epidemia, per dire, può causare più morti di una pandemia."

L'influenza suina è una pandemia?
-"No, sebbene si sia ormai diffusa in più continenti non è classificata come una pandemia. Potrebbe diventarlo, in teoria, se il tasso di infettività aumentasse"...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maria Luisa
Farmacista M.S.F.I.


Femminile Numero di messaggi : 30
Località : Settimo Torinese
Data d'iscrizione : 07.04.08

MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   Lun Giu 29, 2009 9:10 am

Febbre suina, andamento lento ma sorvegliato
In Italia finora abbiamo avuto un centinaio di casi di nuova influenza, di cui 5/6 secondari. Dunque l'andamento è molto lieve ma la sorveglianza è comunque presente
Lo ribadisce il viceministro alla Salute Ferruccio Fazio, a margine del Forum interattivo di cardiologia, svoltosi al San Giovanni di Roma. Fazio, che ha avuto nei giorni scorsi un colloquio con il direttore dell'Oms Margaret Chan, sottolinea che "si continua la sorveglianza, ma in Italia non c'è una grande diffusione del virus". La fase di pandemia vale per tutti, "ma tecnicamente in Italia non siamo in fase 6. Dunque monitoriamo la situazione - assicura Fazio - e si studiano a diversi livelli le strategie di vaccinazione". E per chi viaggia? "Basta rispettare le normali misure igieniche", cioè lavare spesso le mani ed evitare luoghi chiusi e affollati. Nessuna controindicazione arriva dal viceministro per i viaggi, a causa della nuova influenza.
(da Doctor news 29/6/09
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Febbre suina   

Tornare in alto Andare in basso
 
Febbre suina
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Temperatura corporea e febbre
» Raffreddore, mal di gola, influenza in gravidanza
» Problemi al display di Pearly
» Varicocele
» Sto maleeeeeeee,ho la febbre

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: Area professionale-
Andare verso: