Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 M.S.F.I. vigila sulla continuità assistenziale per i pazienti affetti da A.R.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin



Maschile Numero di messaggi : 570
Località : M.S.F.I.
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioTitolo: M.S.F.I. vigila sulla continuità assistenziale per i pazienti affetti da A.R.   Dom Lug 05, 2009 5:41 pm

L'artrite reumatoide è una patologia infiammatoria autoimmune e degenerativa. Attraverso una serie di reazioni immunitarie rivolte verso componenti fisiologici propri dell'organismo stesso, si verifica la produzione di sostanze che determinano un vero e proprio stato infiammatorio. Cronicizzando e coinvolgendo in particolare i tessuti osteo-articolari, tale condizione conduce alla degenerazione progressiva dei distretti colpiti.

Analogamente alla maggior parte delle malattie autoimmuni, ancora non è chiaro l'esatto meccanismo patogenetico dell'artrite reumatoide mentre è fin troppo chiaro come il forte dolore sia il principale sintomo che essa comporta.

La terapia farmacologica mira quindi a rivestire due ambiti: da un lato, attenuare il dolore causato dall'infiammazione; dall'altro, rallentare la progressiva degenerazione dei tessuti.

Trovano quindi indicazione alcuni antiinfiammatori non steroidei, cortisonici e analgesici ma anche molecole in grado di interrompere, in qualche modo, la reazione autoimmune. Fra questi ultimi medicinali, che includono molecole quali metotrexato, ciclosporina e leflunomide, si annoverano alcuni anticorpi monoclonali. Si tratta di recenti farmaci biologici rivelatisi efficaci nel contrastare la liberazione di alcune sostanze responsabili del processo infiammatorio: l'adalimumab, l'abatacept, l'infliximab e l'etanercept ne sono esempi.

Per la loro stessa natura e per il loro costo molto elevato sono farmaci a uso ospedaliero, riservati a quei pazienti che non rispondono alle terapie farmacologiche convenzionali. In Italia, in particolare, sono utilizzati negli ospedali scelti per il "Progetto Antares" sulla sperimentazione dei farmaci, progetto terminato nell'anno 2004.

Pur non essendo medicinali gestiti dalle farmacie aperte al pubblico, il Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani ha recentemente iniziato un'attività di monitoraggio sull'erogazione dei farmaci biologici destinati alla terapia dell'artrite reumatoide, al fine di vigilare affinchè i pazienti in trattamento non debbano ritrovarsi all'improvviso senza le quantità di farmaci necessarie a proseguire la propria terapia.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://darimar.altervista.org/movimento
 
M.S.F.I. vigila sulla continuità assistenziale per i pazienti affetti da A.R.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Dubbi amletici sulla panna
» Chiarimenti dell'Albo Gestori sulla figura dell'intermediario
» [Primi Passi] Prima misurazione...domande sulla temperatura
» FILM: Taare Zameen Par (sulla dislessia)
» SCHEDE SULLA LOGICA E L'ATTENZIONE

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: Progetto "Artrite reumatoide"-
Andare verso: