Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 I curati a metà

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 

Vuoi che i farmaci allestiti in farmacia siano mutuabili?
100%
 100% [ 2 ]
No
0%
 0% [ 0 ]
Non so
0%
 0% [ 0 ]
Totale dei voti : 2
 

AutoreMessaggio
C.Lazzeri
Farmacista M.S.F.I.


Maschile Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 15.04.08

MessaggioOggetto: I curati a metà   Lun Lug 27, 2009 12:15 am

I “curati a metà”. Su facebook una signora ha denunciato l’odiosa situazione di trovarsi senza il necessario farmaco per problemi di budget della sua Usl. I malati di artrite reumatoide non ricevono che solo una parte dei farmaci biologici necessari alla cura, con il risultato di dover iniziare da capo ogni volta e non avere alcun beneficio.
Certo che pur di risparmiare non si guarda in faccia nessuno! Come si può dire a un malato cronico “oggi ti curo, domani no perché devo tenere a posto i conti”? Magari i soldi per i dirigenti strapagati li hanno, per il personale sempre assente li hanno, ma per i malati no!

Vogliamo parlare anche di intolleranze?
Il lattosio, comunemente usato per l’allestimento delle compresse, non è tollerato da molte persone, che accusano forti dolori addominali, eruzioni cutanee, gastrite, esofagite, ecc.
Spesso non è sufficiente che queste persone assumano la lattasi, per cui, quando non c’è nessun’altra molecola uguale prodotta senza lattosio, si trovano a dover decidere se curarsi o no.
Oppure se curarsi lo stesso, appoggiandosi ad una farmacia che possa allestire la preparazione galenica con altri eccipienti, ma pagando di tasca propria per cure con principi attivi coperti da brevetto e dunque molto cari.
A questo punto ci sarebbe una soluzione molto semplice ed indolore: obbligo da parte della ditta di fornire la farmacia della sostanza necessaria ad allestire un preparato magistrale su richiesta ben motivata da parte del medico e conseguente mutuabilità del galenico secondo tariffario o comunque a prezzo non superiore rispetto alla specialità registrata.

Secondo me è questa una delle battaglie più importanti che dobbiamo essere in grado di portare avanti, per i pazienti, per la nostra professione.
Pensate a quante situazioni potremmo far fronte, dai dosaggi ai farmaci orfani, dalle intolleranze alla irreperibilità momentanea di un farmaco. A tutto vantaggio del malato e del farmacista, chiamato a esprimere al massimo le potenzialità dei suoi studi, e a vantaggio dello Stato, non più costretto a “rincorrere i curati a metà”, a spendere di più per aver cercato di risparmiare.
Con i risparmi veri (e ce ne sarebbe da parlare…) si potrebbero fornire i farmaci biologici oggi negati.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
I curati a metà
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» tesina seconda metà 800
» Dosaggi ormonali
» Sicurezza e utilizzo del preservativo
» un insegnante curricolare può affidare metà della classe al prof di sostegno per 2 ore/settimana?
» Manicure e pedicure

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: L'"Arena"-
Andare verso: