Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Informare bene richiede impegno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin



Maschile Numero di messaggi : 570
LocalitÓ : M.S.F.I.
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Informare bene richiede impegno   Ven Nov 06, 2009 10:56 am

Dalla puntata di Porta a Porta del 4 novembre 2009 esce una visione piuttosto riduttiva dell'opera di informazione che i farmacisti italiani stanno conducendo sull'influenza pandemica

La Federazione tiene a ricordare alcune iniziative che testimoniano di questo impegno. Fin dall'esordio della pandemia, nell'aprile scorso, la Federazione si Ŕ pronunciata pubblicamente contro l'uso irrazionale e pericoloso degli antivirali in funzione "preventiva" e, al di lÓ delle pronunce puntuali, ha attuato una strategia coerente per formare i farmacisti e aggiornarli costantemente sull'evoluzione della pandemia stessa. Ecco alcuni punti salienti. E' stato istituito un Gruppo di lavoro, che si avvale della supervisione scientifica del professor Fabrizio Pregliasco, che settimanalmente pubblica su Farmacista33 un bollettino dedicato da una parte all'andamento epidemiologico, dall'altra al tema particolare emerso negli ultimi giorni (per esempio, l'efficacia delle mascherine, il ruolo degli adiuvanti nei vaccini...). Contestualmente sul sito federale (www.fofi.it) sono state pubblicate schede tecniche relative ai diversi presidi sanitari (dai disinfettanti ai test rapidi), rivolte specificamente al farmacista.
E' stato realizzato e messo on line gratuitamente per gli iscritti all'Ordine un corso di formazione a distanza dedicato al virus pandemico, a cura del professor Giancarlo Icardi dell'UniversitÓ di Genova, che Ŕ andato ad affiancarsi a un altro centrato sulle sindromi influenzali curato dal professor Pregliasco. Va notato che al corso sulla pandemia influenzale si sono iscritti in pochi giorni oltre 10000 farmacisti. Si tratta di iniziative che si collocano allo stesso livello di quanto fatto, per esempio, dal British Medical Journal, che ricordiamo essere l'organo ufficiale della British Medical Association. Riteniamo che il farmacista, in questa situazione che pare soprattutto un'emergenza sul piano della comunicazione del rischio, debba andare al di lÓ della diligenza del buon padre di famiglia, e debba essere pronto a rispondere in modo corretto e puntuale via via che si presentano nuovi problemi e sorgono nuovi quesiti da parte dei cittadini.

Fonte: Farmacista33, 6 novembre 2009
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://darimar.altervista.org/movimento
 
Informare bene richiede impegno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» IL MANDALA PER CONOSCERE BENE BENE SE' STESSI O UN'ALTRA PERSONA
» dichiarazione di impegno all'uso corretto dei dispositivi USB
» Trover˛ mai una ragazza che mi voglia bene ?
» Non sto mai bene...
» SOIA E DERIVATI: BENE O MALE?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: Area sanitaria-
Andare verso: