Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Molto virtuali e poco farmacie

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin



Maschile Numero di messaggi : 570
Località : M.S.F.I.
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioTitolo: Molto virtuali e poco farmacie   Sab Mag 01, 2010 5:33 pm

La vendita on-line di medicinali, già di per sé un illecito, nasconde molto spesso la truffa informatica vera e propria

Circa la metà dei siti internet che vendono farmaci a prezzi stracciati, il più delle volte senza bisogno di ricetta medica, "rappresenta in realtà una vera e propria esca dei pirati informatici, che mirano a infettare i computer degli utenti, a sottrarre identità digitali e dati o a clonare le carte di credito utilizzate per il pagamento a scopi criminali". Questa l'analisi di Domenico Di Giorgio, coordinatore delle attività anti-contraffazione dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), intervenuto ieri mattina a Roma a un incontro organizzato dall'Ufficio brevetti e marchi (Uibm) del ministero dello Sviluppo economico in occasione della Giornata mondiale per la proprietà intellettuale. "Bisogna dire che l'Italia, al contrario della maggior parte dei Paesi anche in Europa, è poco coinvolta dal problema del traffico di medicinali falsi nei canali tradizionali - ha detto Di Giorgio - in quanto il nostro sistema di controlli e tracciatura del farmaco non permette la penetrazione di questi prodotti in farmacia. Resta però una piccola percentuale di persone che si rivolge al web per acquistare soprattutto medicinali contro la disfunzione erettile, anabolizzanti o anoressizzanti. L'Aifa ha dunque avviato uno studio che verrà concluso e presentato a breve, per caratterizzare questi siti e approfondire la conoscenza del problema, anche con la collaborazione di altri Paesi". "Dai primi dati, emersi con l'analisi di alcuni social network sportivi, si evince che per le ultime due categorie di farmaci il canale preferito non è la Rete, bensì le palestre". I siti web "non sono dunque la corsia preferenziale di chi traffica con questi prodotti. Mentre per quanto riguarda i medicinali anti-impotenza, la questione è più 'sommersa' e deve essere approfondita". Gli esperti hanno rilevato che "digitando su Google parole chiave mirate alla ricerca di farmacie virtuali - prosegue Di Giorgio - circa la metà dei siti che appaiono nella schermata" è in realtà uno specchietto per allodole, "una trappola informatica per internauti sprovveduti, che rischiano l'infezione con virus, fishing, la penetrazione degli hacker nei loro computer. In generale, sono siti che cambiano spesso indirizzo, oppure i criminali reclutano persone che mettano a disposizione il proprio spazio web a questi scopi". Ed è molto difficile risalire ai responsabili di questo tipo di reato o della semplice contraffazione dei medicinali: "da un recente studio su un sito sospetto - conclude l'esperto - abbiamo scoperto che esso era registrato nel Regno Unito. Il server però era americano, le spedizioni provenivano dalla Germania, le transazioni avvenivano nell'Europa dell'Est e i prodotti erano indiani, mentre la società era svizzera".

Fonte: Farmacista33, 27 aprile 2010
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://darimar.altervista.org/movimento
Admin



Maschile Numero di messaggi : 570
Località : M.S.F.I.
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioTitolo: Re: Molto virtuali e poco farmacie   Sab Mag 01, 2010 5:35 pm

Farmacie on line all'europea

La Commissione ENVI (Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza Alimentare) del Parlamento Europeo approva stretti controlli in materia di vendita dei farmaci on-line nei paesi dove questa è consentita

La Commissione ha proceduto, nella seduta del 27 aprile, all'esame e alla votazione degli emendamenti presentati alla Proposta di Direttiva sulla Contraffazione dei medicinali, che modifica la Direttiva 2001/83/CE recante il codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano, recepita in Italia con il decreto legislativo n. 219/2006. Sono stati approvati gli emendamenti "di compromesso" n. COMP 12 e COMP 13, che costituiscono riformulazione delle numerose proposte emendative in precedenza presentate. L'emendamento COMP 12, in particolare, prevede l'inserimento nella Direttiva 2001/83/CE di un nuovo "Titolo VII a - Vendite via Internet", recante specifiche disposizioni in materia di vendita di medicinali attraverso farmacie su internet. La norma, pur non pregiudicando "in alcun modo il diritto degli Stati membri di restringere o proibire la vendita via internet di farmaci con obbligo di prescrizione medica", prevede, tra l'altro, che: negli Stati membri in cui sono autorizzate a operare, le farmacie Internet devono ottenere un'autorizzazione speciale da parte dell'autorità competente. La Commissione Europea adotta un logo dell'UE per la prima pagina dei siti web farmaceutici, al fine di aiutare il pubblico a riconoscere se un determinato sito web che offre la vendita di medicinali è collegato a una farmacia autorizzata".

Fonte: Farmacista33, 29 aprile 2010
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://darimar.altervista.org/movimento
 
Molto virtuali e poco farmacie
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» farmacie
» MOLTO OT
» Gestione Farmaci Scaduti Farmacie/Parafarmacie
» questione raee per farmacie
» SISTRI e Farmacie

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: Area sanitaria-
Andare verso: