Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  

Condividere | 
 

 Belle liberalizzazioni!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Belle liberalizzazioni!   Sab Feb 18, 2012 10:11 pm

Liberalizzazioni, cui prodest?
Soprattutto quelle attualizzate nel campo farmaceutico.
Di sicuro non ai cittadini, certamente alle grosse società di distribuzione all'ingrosso che con le liberalizzazioni
vedranno migliorare i loro margini di utili erosi dall'abbassamento dei prezzi dei farmaci e dalla continua richiesta
di contenimento dei costi.

Un'idea di quel che sta accadendo e viene perseguito dalle multinazionali della distribuzione farmaceutica è
correttamente riportato nell'articolo di Fabrizio Gianfrate dell'Università Luiss di Roma, al link seguente:
http://www.federfarmaservizi.it/files/bignews/DISTRIBUZIONE%20Distrib%20Intermedia%20Gianfrate.pdf

Ma andiamo per ordine e proviamo a partire dall'apice del sistema distributivo piuttosto che dal suo terminale, la farmacia.

I principali gruppi distributivi in Europa sono tre: Admenta/Celesio, Phoenix/Comifar, Alliance-Unichem Boots.
Prendiamo in considerazione quest'ultimo e iniziamo con un articolo apparso su Capital nel giugno del 2007.
Leggetelo con attenzione.

http://imageshack.us/photo/my-images/99/capitaljune20072.pdf/

E' una cronistoria dell'ascesa economica della coppia Pessina/Barra epurata delle cose più interessanti ma a loro sgradite.
Non si dice infatti, nell'articolo, cosa mai sia accaduto all'azionariato di tutti quei piccoli magazzini locali finiti in mano
all'ing. Pessina con una maggioranza relativa del circa 30% e quanto ci abbiano rimesso, di loro, gli azionisti.
Per lo più titolari di farmacia che di quei magazzini erano clienti prima che soci.
Ma questa è un'altra storia che meriterebbe un thread tutto suo.

Interessante è l'affermazione riportata nell'articolo in cui l'ing. Pessina dice di essere amico di Paolo Scaroni.
(Paolo Scaroni è stato arrestato nel 1992 in merito all'inchiesta giudiziaria di Mani Pulite; nel 1996 ha patteggiato
un anno e 4 mesi per tangenti di svariate centinaia di milioni - di lire italiane - versate al Partito Socialista Italiano per appalti Enel)

A Scaroni L'ing. Pessina attribuisce lo stimolo a interessarsi di Boots.

http://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Scaroni
http://www.comitatonaturaverde.it/files/scaroni/scaroni.pdf
http://www.unibocconi.it/wps/wcm/connect/SitoPubblico_EN/Navigation+Tree/Home/About+Bocconi/Organization/International+Advisory+Council/Paolo+Scaroni_Greenslade+2010+05+13+04+38

Ovviamente la fedeltà e il buon consiglio fornito all'amico Stefano ha giovato a Scaroni che, nel dicembre del 2002,
succederà a Jeff Harris, non-Executive Chairman di Alliance UniChem Plc. (vedi link seguente):

http://www.alliance-healthcare.it/news/news050301.htm (questo link, dopo poco dalla pubblicazione di questo post, è stato disattivato!)

La conoscenza tra l'attuale Presidente del Consiglio (Mario Monti), bocconiano nel DNA, e Paolo Scaroni dovrebbe essere cosa scontata.
E, per una semplice proprietà transitiva, non volete che la stessa conoscenza non ce l'abbia anche l'ing. Stefano Pessina?

Forse è vero che a pensar male si faccia peccato, ma ...
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Re: Belle liberalizzazioni!   Mar Apr 24, 2012 4:06 pm

Metto qui questo post, già inserito in un altro thread, poichè più pertinente.
******************************

Mi fa piacere che, a poco a poco, si incominci a ragionare in modo diverso e diventi più
chiaro il disegno che è alla base dell'attuale progetto di liberalizzazione.

Esso non ha nulla a che vedere con quello incominciato da Bersani, tuttavia ne condivide i principi
per non perdere l'appoggio fornito dal PD all'attuale governo.
In pratica il potere si spartisce la torta e i destini di migliaia di lavoratori dell'indotto farmaceutico.

Per Pessina e la Barra, essere primi in Europa significa esserlo nel mondo.
Vogliono il network della distribuzione e con Monti l'otterranno.

Fessi coloro, da IDV ai vari partitelli con Casini, Fini, Rutelli, ecc., che non l'hanno capito o fingono
di non capire per la promessa di una contropartita alle future elezioni.

Il fatto di aver messo Garattini, a presidiare l'AIFA, è anche un segnale forte.
Possibile che non lo si comprenda?

Ragiono anch'io a voce alta e penso che Scaroni, amico di Pessina (a detta sua, fu l'artefice
della fusione tra Alliance Unichem e Boots), conosca bene Berlusconi (ricordate che ci fu un incontro
tra Scaroni, Berlusconi e Putin per l'affare Gazprom?).
E tra amici, non ci si scambia favori?
Questo che riporto è un passo di un articolo pubblicato al seguente link, ma su internet ce ne sono molteplici:
http://www.wallstreetitalia.com/article/1047387/forza-wiki/l-amicizia-berlusconi-putin-l-affare-eni-gazprom-e-le-tangenti-sul-gas.aspx

"...Anche solo a giudicare dalla stampa, si può pensare che il primo ministro Berlusconi garantisca
al suo presidente, Paolo Scaroni, tanto accesso quanto al suo proprio ministro degli esteri.
(…) Durante un evento diplomatico nel 2007, una conferenza sull’Asia centrale, i rappresentanti dell’Eni e
di Edison ebbero 30 minuti ciascuno per parlare, mentre i quattro ministri degli Esteri e i cinque vice ministri
di cinque stati centro asiatici furono infilati tutti in un’ora sola. C’è il sospetto che l’Eni mantenga a libro paga
alcuni giornalisti. ..."

Sarà quindi un caso che in prossimità dello scadere del D.L. sulle farmacie, quando era assolutamente necessaria
la sua approvazione, per distruggere l'immagine e la fiducia che i cittadini ripongono nelle farmacie e sedare
le velleitarie ipotesi di sciopero e ipotesi di querela scaturite dalle affermazioni diffamanti contro la categoria
(Crozza a Ballarò, ad es.) siano andate in onda quelle puntate della trasmissione "Le Iene" a rafforzare l'immagine
deleteria contro le farmacie, dove, per colpa di uno, siamo stati additati tutti come malfattori?

Mi pare di capire che il "sistema Boffo" della macchina del fango sia sempre valido!

Potrebbe darsi che tra un po' venga oscurato anche questo sito se continueremo a dar fastidio!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Re: Belle liberalizzazioni!   Lun Mag 07, 2012 10:08 pm

Da "Il farmacista on line"

Liberalizzazioni. D'Ambrosio Lettieri: “Un prodotto legislativo indecente”
“Indebolirà la farmacia e penalizzerà la comunità”. Queste le conseguenze del decreto liberalizzazioni per il senatore del Pdl e vicepresidente Fofi. Secondo il quale "si attacca la trasparenza degli interventi pubblici della professione, ma la vera vergogna è la regia occulta al servizio di interessi particolari di cui non si parla”.
07 MAG - "La professione con le sue componenti ha fatto un'operazione trasparente di pressing politico per migliorare una legge, mettendoci la faccia, alla luce del sole, con gente che si è accreditata e che ha lasciato comunicati stampa in merito alle posizioni assunte. Io stesso ho cercato, attraverso degli emendamenti, di correggere macroscopiche incongruenze. Quello che è grave, invece, è la regia occulta - che non compare, della quale non si parla - di gente che non sosta nei corridoi e non parla apertamente, ma entra nelle stanze del potere, dirige e indirizza l'orientamento della penna senza apparire e quando il provvedimento è arrivato, guai a chi disturba il manovratore. Questa è la vera vergogna che ci consegna un prodotto legislativo indecente per le finalità e per le ripercussioni che produrrà non solo sulle farmacie e sulla professione, ma anche sulla comunità e il territorio". Queste le dichiarazioni del senatore del Pdl e vicepresidente della Fofi, Luigi d'Ambrosio Lettieri, che sabato scorso è intervenuto ad un convegno organizzato da Fofi e Federfarma sul futuro della professione del farmacista, nell'ambito della Fiera di Cosmofarma svolta a Roma.

"Se dovesse trovare piena applicazione l'art.11 della 27”, quello del Decreto Cresci Italia dedicato alla farmacia, secondo d’Ambrosio Lettieri “si produrrà una caduta verticale del livello di qualità dell'efficienza sul territorio. Questa legge - ha proseguito il vicepresidente della Fofi - non solo non soddisfa le aspirazioni dei vari segmenti professionali, ma delegittimano la farmacia, indebolendo il binocmio farmaco-farmacia, che volevamo consolidare, non per nostra velleità, ma per continuare ad offrire alle persone quello che viene considerato nei sondaggi tra la gente, come un presidio di pubblica utilità e che spesso sopperisce alle carenze del sistema sanitario locale. E che, invece, viene mediaticamente consegnato all'opinione pubblica come un settore privilegiato. Si creano, dunque, i presupposti – ha concluso d’Ambrosio Lettieri - per indebolire la qualità della farmacia italiana, perché una farmacia povera non genera efficienza, professionalità, occupazione".
07 maggio 2012
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Re: Belle liberalizzazioni!   Mar Mag 08, 2012 11:54 am

Da farmacista33:

Balduzzi a Gasparri: ci hanno guidato le esigenze dei cittadini

La politica buona è quella chiamata a fare intelligente mediazione degli interessi, non a farsi guidare dagli stessi. Così il ministro della salute, Renato Balduzzi, risponde al capogruppo dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, che, in un intervento alla Nuova Fiera di Roma in occasione di Cosmofarma, aveva criticato il Governo per come aveva condotto il processo di liberalizzazione: «il ministro della Salute Balduzzi ha tentato di servire fino all'ultimo non so quali interessi» era stata l'accusa di Gasparri «e c'e addirittura stato un tentativo di impedire un confronto con i fa rmacisti». «Manifesto il mio stupore per quanto affermato dal senatore» è allora la risposta di Balduzzi. «Il Ministero della salute ha sempre avuto attenzione alle esigenze anzitutto dei cittadini, tenendo in debita considerazione tutte le esigenze legittime delle categorie interessate. La politica buona è infatti chiamata a fare intelligente mediazione degli interessi, non a farsi guidare dagli stessi».
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Re: Belle liberalizzazioni!   Sab Mag 12, 2012 9:24 pm

Roma, 20 gen. (TMNews) - "E' un grosso provvedimento". Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà,
al termine del Consiglio dei ministri sulle liberalizzazioni.
A chi gli chiede se ci sia nel provvedimento anche una misura sull'assegnazione delle frequenze tramite beauty contest, Catricalà risponde: "No".

Mica si può dar fastidio a Berlusconi. Sarebbe un'ingratitudine!
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Belle liberalizzazioni!   

Tornare in alto Andare in basso
 
Belle liberalizzazioni!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ciao belle signorine....ho bisogno di voi!!
» Liberalizzazione delle professioni
» Il rapporto col proprio corpo in gravidanza
» Temporale su Torino e zone collinari il 05/06/2013
» sos Storie per bambini per riflettere sulla disabilità

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: L'"Arena"-
Andare verso: