Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Adesso è il turno di SKY nel diffamare i farmacisti titolari.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Adesso è il turno di SKY nel diffamare i farmacisti titolari.   Dom Apr 15, 2012 7:51 pm

Sembra che sui media sia stata inaugurata una nuova tendenza giornalistica propensa alla superficialità ma determinata a conseguire i risultati diffamatori necessari a validare gli impianti legislativi di cui sono oggetto alcune categoria di professionisti. In special modo i farmacisti titolari di farmacia.

Dopo la trasmissione “Ballarò” su RAI3, “Le Iene” su Mediaset, e giornalisti come Santoro, Floris, ecc. è adesso il turno di SKY.

Infatti il video proposto al seguente link:

http://video.sky.it/news/cronaca/casta_italia_la_ricetta_degli_intoccabili/v118470.vid

non è altro che una trasmissione di SKY, network di proprietà del magnate Rupert Murdoch ( http://it.wikipedia.org/wiki/Rupert_Murdoch ).

Guarda caso, nel reportage, dopo aver legnato ben bene i titolari di farmacia e santificato i poveri giovani laureati che non possono aspirare alla titolarità, gli autori magnificano il modello inglese, patria di Murdoch e dell'ing. Pessina (Alliance-Unichem Boots).

La farmacia dove esercita infatti il giovane farmacista manager, almeno per come si vede nel video, è una farmacia Boots!

La voce narrante però dimentica volutamente di dire che mentre in una farmacia italiana lavorano mediamente un farmacista ogni 400.000 euro di fatturato, in quelle inglesi l'unico farmacista è il direttore non proprietario e il resto son commessi senza titolo di studio.

Il fine è di proporre e assurgere a esempio una farmacia aperta al capitale, con schiavetti laureati (e non) a sgambettare per la multinazionale proprietaria.

Per quanto concerne il capitolo "farmaco veterinario" si evita di citare quanto poco esso sia oramai trattato dalle farmacie territoriali. Infatti i farmaci veterinari vengono somministrati all'atto della visita dai veterinari stessi e successivamente acquistati direttamente in ditta dagli allevatori.

Anzi, con veterinari compiacenti, pagati o dai distributori o dalle aziende farmaceutiche, il farmaco arriva senza intermediari agli allevatori. In alcuni casi anche dall'estero (paesi dell'Est Europa) con fatture false, evadendo controlli e tassazione.

Parte di tali prodotti finisce anche in circuiti clandestini e va ad alimentare il traffico di anabolizzanti, spesso scoperto dalla Guardia di Finanza e dai NAS nei club di attività sportive e cultura fisica (body-building).

Tragicomica è invece la situazione del "povero" fornaio-farmacista, costretto a elemosinare il lavoro di famiglia al padre e al fratello a causa dei magri incassi della sua para-farmacia che non gli consentirebbero di vivere dignitosamente.

Lo vada a dire a quei colleghi titolari che esercitano in paesini sperduti di 500/1000 anime, come sul sub-Appennino Dauno dalle mie parti!

Di una cosa posso essere certo, in quanto lo vedo con i miei occhi.
Il fornaio che abita di fronte casa mia va in giro in Porche Cayenne! E non è il solo panificatore qui nel mio paese.

Quando io spedisco una ricetta del SSN mi metto intasca puliti 95 centesimi (al netto dei costi e delle tasse). Il barista che mi offre il caffè che sorseggio con un amico la mattina, sul quel caffè, ne guadagna 60!

A proposito, un quintale di farina costa circa 40 euro dagli iniziali 26.
Da un quintale di farina si ricavano all'incirca 1,20/1.30 quintali di pane.
Ricordo che al tempo del fascismo il pane aveva un prezzo imposto: il panificatore doveva vendere il pane allo stesso prezzo al kg di quanto costava la farina.
Quindi con un incremento determinato dalla quantità di acqua che esso inglobava.
Aggiungo che era proibito vendere il pane fresco! Si poteva commerciare solo il pane panificato il giorno prima, poiché più leggero e con meno acqua.

Ora ditemi, se pago la farina 0,40 cent. al kg. e vendo il pane a 2/3 euro al kg. che ricarico ho applicato?
E quale guadagno ho ottenuto?

Avercelo un guadagno così proporzionato sul farmaco!

E quel panettiere-farmacista mi vuol far credere che è un "morto di fame"?

Ma andate a trovare altri esempi, buffoni!

P.S.: alcuni link esplicativi sul costo delle farina:

http://borsa.granariamilano.org/archivio/listino.pdf
http://www.stampalibera.com/?p=20482
http://www.arezzoweb.it/notizie/speciale.asp?idnotizia=37929
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Adesso è il turno di SKY nel diffamare i farmacisti titolari.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cosa succederà adesso?? Si accettano scommesse...!!! (e votate il sondaggio..)
» Adesso boicottiamo le associazioni di categoria
» Ho ritirato il Token, e adesso?
» Correzione FIR x errata indicazione del produttore - adesso come si fa?
» Rifiuti, arrestati i titolari della Ecolando

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: L'"Arena"-
Andare verso: