Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 I conflitti d'interesse non finiscono mai!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.
avatar

Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioTitolo: I conflitti d'interesse non finiscono mai!   Dom Nov 18, 2012 6:39 pm

Con sorpresa ho letto l'editoriale di Vittorio Feltri in cui egli tacciava l'attuale governo, ma anche il precedente non è stato da meno, di perseguitare i farmacisti a vantaggio della GDO.

http://quellichelafarmacia.com/8544/i-prof-nuocciono-alle-farmacie-leditoriale-di-vittorio-feltri/

Accade di rado che i farmacisti titolari siano nominati benevolmente dai media, o difesi dagli stessi, per gli attacchi che subiscono da chi vuol entrare di forza in un mercato da oltre 30 miliardi di euro annui di fatturato.
Il più delle volte la categoria è accusata, a esser gentili, di essere una casta, una lobby o un feudo da espugnare.
Paradossale, invece, è la replica a Feltri dal Presidente di FederDistribuzione.

http://quellichelafarmacia.com/8684/ecco-perche-le-parafarmacie-sono-utili-ai-consumatori/

Egli, citando l'Antitrust, afferma che:
- “... il settore farmaceutico possa essere ancora oggetto di interventi di perfezionamento ai fini di una corretta concorrenza”. ...
- “... a tutto favore dei 60 milioni di cittadini italiani che acquistano farmaci a valore ancora troppo elevato, in assoluto, e in particolare per quanto riguarda il confronto con altri Paesi europei e occidentali”.
- E tra l'altro si dice certo “... che il Governo non abbia il disegno di fare l’interesse della Grande Distribuzione (non solo supermercati) ma che punti ad interventi che portino ad un allargamento della base di offerta, a un miglior servizio e a una semplificazione degli acquisti, il tutto ovviamente con un vantaggio di prezzo per il cittadino-consumatore”.

Dov'è il paradosso?

Innanzitutto è necessario superare la prima affermazione, la quale di fatto conduce alla legge del tutto o nulla.

Quindi, o si liberalizza in toto il settore, assimilando le farmacie a degli usuali esercizi commerciali per la distribuzione di scatolette e beni di consumo, e non di prodotti potenzialmente pericolosi che richiedono l'assistenza di un professionista abilitato per la cessione al pubblico in un ambiente qualificato e controllato; oppure si accetta l'idea che il network delle farmacie italiane debba essere amministrato con politiche avulse dalle regole del mercato puro e semplice, validandolo per quello che è, un Pubblico Servizio con regole ferree e sottoposto a rigorosi controlli qualitativi dagli organi di vigilanza.

Fino a oggi così è stato e nessuno dei cittadini, visto anche l'alto indice di gradimento che riscuotono le farmacie (superiore ai supermercati e agli esercizi della GDO), ha avuto di che lamentarsi.

L'unica critica, avanzata dai detrattori, è nel paragonare l'attuale Farmacia Italiana a un sistema ingessato incapace di produrre economie di scala per calmierare il costo finale dei farmaci a vantaggio degli utenti. Essi infatti, sempre secondo il Presidente di FederDistribuzione, sono penalizzati da prezzi dei farmaci troppo elevati in confronto a quelli di altri “Paesi europei e occidentali”.

Evidenzio che il Presidente cita i paesi europei, specificando occidentali, ben sapendo, però, che questi stessi farmaci in paesi anche europei, come ad esempio la Grecia, e non occidentali, come la Turchia, costano mediamente ancor meno. E lì il motivo è da ricercarsi nel minor potere di acquisto dei consumatori. Pertanto, a livello industriale, la possibilità di diminuzione dei prezzi esiste!

Non è poi un segreto la carenza di molti prodotti farmaceutici sul territorio italiano causata dall'esportazione parallela in mercati europei con prezzi più elevati e, quindi, più redditizi.
Questa denuncia è apparsa anche sul sito di “Quellichelafarmacia.com”.

http://quellichelafarmacia.com/7684/i-medicinali-scompaiono-dalle-farmacie-italiane-e-vengono-indirizzati-a-mercati-piu-redditizzi/

Ancor più stupefacente è l'ipocrisia con cui viene taciuto il rapporto che il Cermes (Centro di Ricerca su Marketing e Servizi dell’Università Bocconi) ha condotto per FederDistribuzione.
In esso venivano messi a confronto gli effetti di una politica di liberalizzazioni in diversi settori di attività: distribuzione alimentare, distribuzione non alimentare, distribuzione di carburanti, distribuzione di farmaci, assicurazioni e servizi finanziari.

“Il rapporto, molto dettagliato, si rifà ai dati del 2009. Per quel che riguarda il farmaco, l’analisi del Cermes riguarda la liberalizzazione della Fascia C nel suo complesso che viene stimato, a valori, in 2,1 miliardi di euro per Sop e Otc (11,1% del mercato), più 3,1 miliardi di etico (16,6% del mercato). La cifra è del 2009, ma è più o meno quella di cui si parla anche oggi. ...
…Secondo l’indagine il mercato del farmaco non soggetto a prescrizione è rimasto “stabile se non stagnante” e l’ultimo dato riportato sui risparmi consentiti dal fuori canale (para-farmacie e Gdo), quello del 2008, è di circa 16,5 milioni di euro (cui andrebbero aggiunti i risparmi derivanti dagli sconti praticati dalle farmacie, ma non è questa la sede). Secondo il Cermes, la situazione evolverà, è ovvio, e si prospettano diversi scenari.

Il primo è che tutto resti com’è sul piano delle norme e della tendenza dei consumi, oppure che vi sia un adeguamento al mercato dell’OTC del resto d’Europa, notoriamente più florido.

Il secondo è che cambino le normative attuali, e questo può avvenire in due modi: la presenza del farmacista diviene facoltativa, oppure resta obbligatoria e viene distribuito fuori dalla farmacia anche il farmaco etico non rimborsato (ma non è specificato se si parla di tutte le classi o soltanto delle meno problematiche, cioè quelle soggette alla ricetta ripetibile).

Anche per il risparmio ottenibile si prospettano di conseguenza diversi scenari. Se tutto continua come ora, il risparmio generato dal fuori canale salirebbe a 35,4 milioni, se aumentasse il consumo di Otc fino a raggiungere il livello europeo i milioni sarebbero 45,4.” (fonte “Ilfarmacistaonline - http://www.ilfarmacistaonline.it/studi-e-rapporti/articolo.php?articolo_id=6634 )

Quindi un risparmio inferiore a un euro pro capite annuo per cittadino!

Il rapporto, pur affermando la modesta quota di risparmio ottenibile dal processo di liberalizzazione, lo giustifica con l'auspicio di "...un'offerta di un maggior servizio di prossimità ai consumatori."
Eppure non rileva che la rete delle farmacie italiane è la migliore al mondo per capillarità e qualità e tace sulla soddisfazione dell'utente per l'attuale impegno offerto dalle farmacie!

A questo punto, di fronte all'ipocrisia e al pressapochismo delle affermazioni, false, del Presidente di FederDistribuzione, cos'altro aggiungere?

Forse che il rapporto al quale egli si ispira è stato stilato dal CERMES, il Centro di Ricerca su Marketing e Servizi dell’Università Bocconi di cui l'attuale Presidente del Consiglio, Mario Monti, è Presidente?
E poi, a voler pensar male, può l'attuale Governo sconfessare le tesi liberiste professate da un'istituzione universitaria (Università Bocconi) presieduta dal suo Primo Ministro?

La verità è che i conflitti d'interesse non finiscono mai!

A questo link, quanto in parte sopra esposto:
http://msfi.forumattivo.com/t545-le-falsita-dette-sulle-liberalizzazioni-e-il-cermes-lo-sa

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
I conflitti d'interesse non finiscono mai!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» CAPANNONE IN SITO DI INTERESSE NAZIONALE - CARATTERIZZAZIONE
» PENSIERO DEL GIORNO: RINNOVARSI PER CONTINUARE A RISVEGLIARE INTERESSE NEGLI ALTRI
» LINGUA ITALIANA: segnalazione siti e materiali di interesse didattico
» Cosa muove la gente (basta ipocrisia)
» interesse di y per x - Vera Sibilla

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: L'"Arena"-
Andare verso: