Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  

Condividere | 
 

 Non poteva non vincere, in un mondo perfetto!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
R.Siniscalchi
Farmacista M.S.F.I.


Maschile Numero di messaggi : 127
Località : Cagnano Varano (FG)
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Non poteva non vincere, in un mondo perfetto!   Dom Nov 25, 2012 10:18 pm

Si avvicinano le elezioni, e si rinfocolano le polemiche di una parte di farmacisti non titolari che, forti dell'appoggio di una certa politica e dell'attuale segretario del PD, Bersani, vedono nei colleghi titolari la causa della loro mancata realizzazione professionale.
E si che in questi ultimi anni c'è stato un bel da fare per destrutturare il “Sistema Farmacia Italia”, sia da sinistra che da destra, nessuno escluso.
Quindi non mi si venga a dire che i titolari hanno “Santi in Paradiso”, perché così non è, e non saremmo a questo punto. Ma in fondo il tempo è signore e la verità, tardi, ma verrà a galla e finalmente si capirà “cui bono”.
Quel che mi secca è continuamente leggere le solite frasi, magari riportate dai vari siti e forum internet col copia/incolla, tese a validare provvedimenti governativi simbolicamente concertati a Bruxelles o, peggio, a tacciare l'attuale assetto legislativo farmaceutico come “medievale” e, i suoi sostenitori, feduatari, tiranni, casta, privilegiati, ecc.
Ricordo di un allenatore sportivo, incontrato casualmente in vacanza e con cui strinsi amicizia, che, nel tracciare il profilo di alcuni suoi allievi, mi narrò questo aneddoto:

“...anni di preparazione, alimentazione controllata, allenamenti quotidiani, un personal trainer sempre presente, uno staff tecnico d’eccezione, praticamente tutto. Non poteva non vincere.

Era lì, a pochi metri dal traguardo ma con ancor meno millesimi di vantaggio sul suo inseguitore e, …. cade.
Inciampa finendo rovinosamente al suolo.
Rialzandosi, vede il suo avversario gioire per la vittoria conquistata.
E cosa fa? Zoppica.
Zoppica vistosamente, il volto contorto nel dolore.
Ma il dolore più forte non era alla caviglia. Altre volte gli era capitato di incappare in una storta. Il dolore maggiore insisteva nella consapevolezza negata di essersi arreso. Di aver coscientemente subito la sconfitta, ricercandola con quella caduta, pur di poterla giustificare.
Poteva quasi udire lo speaker, mentre commentava lo sfortunato evento occorsogli, a mitigare la delusione ma non l'inquietudine della sua anima.
……Quel centometrista non è stato battuto, ha perso da sé. Aveva già perso ai blocchi di partenza”.



Il racconto stigmatizza, senza equivoci, la latente difficoltà di tanti ad ammettere la possibilità di essere sconfitti.

Vi sono individui che hanno tutte le potenzialità per primeggiare, ma non il carattere per riuscirvi. Altri, temendo di perdere, neanche ci provano.

Come esistono i “figli di papà”, normodotati (o subnormali), che acquisiscono posti di potere economico e divorano patrimoni immensi, vi è chi, sebbene in possesso delle capacità per salire sull'ascensore sociale, lo evita per non soffrire e/o sacrificarsi, spesso accampando giustifiche o imputando motivazioni a discolpa del proprio essere pavido.

E la lista potrebbe allungarsi oltre.

Poi c'è la “la gente comune”. I mortali che stimo.

Coloro che fanno il proprio dovere e amano farlo. Quelli che provano soddisfazione nelle proprie oneste azioni, indipendentemente dal mero tornaconto economico, piccolo o grande che sia. E permettetemi, non sta ai benpensanti, ne a me, quantificare se proporzionato o meno al lavoro svolto.

Oggi il liberismo e la concorrenza, professati da una parte politica e dalla finanza, hanno trasformato il vivere quotidiano in un contratto asociale riassunto nella frase: “... se ti conviene è bene, altrimenti rivolgiti altrove”.

Purché ci sia, sempre, un “altrove” raggiungibile!

Riflettendo sull'esistenza di una forma di governo in grado di impedire questo mi domando se, utopicamente, sia possibile creare un mondo senza ingiustizie, discriminazioni, lotte di classe, soprusi.

Qualcuno ne è capace? Conosce la ricetta?
Forse in un mondo di bambini? Un mondo perfetto!

Vanno comunque fatte delle distinzioni! Non tutti i lavoratori sono uguali sotto il profilo retributivo (per mansioni e responsabilità), tuttavia devono avere pari dignità nella gerarchia sociale.
Ma spesso si pone un’altra questione. Si parla di privilegi. Di categorie privilegiate.

Ma cos’è un privilegio? La parola deriva da privus e lex, cioè legge per il singolo; per estensione, legge per una categoria.
Ad esempio è un privilegio la legge Valpreda (1973), che pose un limite alla carcerazione in attesa di giudizio, ma originò da una condizione individuale. Essa, come altre simili, è stata accettata come giusta, ma è, però, un privilegio.
In molti casi, invece, leggi che dichiarano di portare beneficio alla collettività nascondono il privilegio in esse.

Il privilegio, dunque, non nasce con una connotazione negativa. La acquisisce quando vi è contraddizione tra l’intento del legislatore e l’enunciato scritto della legge, che di tale intento dovrebbe dare testimonianza.

E ora che ho chiarito cosa è un privilegio, vorrei che qualcuno spiegasse a tutti noi se in una società liberista (come spesso viene lodata quella americana) il “privilegio” nella limitazione e del controllo all’accesso a certe professioni (lo è la laurea, o l’istituto della pianta organica per le farmacie) sarebbe a tutela del singolo o della collettività.

Dr. Raffaele Siniscalchi
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Non poteva non vincere, in un mondo perfetto!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» PAELLA DI ORZO MONDO
» Vendo "Il mondo extraeuropeo", GEOGRAFIA
» Video - Paperino nel Mondo della Matemagica (1959)
» CARTA N. 21 - IL MONDO
» Monitoriamo il clima in Italia, in Europa e nel mondo

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: L'"Arena"-
Andare verso: