Forum di discussione del M.S.F.I. - www.msfi.it
 
IndiceIndice  PortalePortale  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Risparmi all'inglese

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin



Maschile Numero di messaggi : 570
Località : M.S.F.I.
Data d'iscrizione : 03.04.08

MessaggioOggetto: Risparmi all'inglese   Gio Gen 22, 2009 9:33 pm

L'Italia, com'è ovvio, non è il solo paese a dover contenere la spesa farmaceutica. In Gran Bretagna, per esempio, nello scorso dicembre è venuta a compimento la riforma del sistema di determinazione del prezzo dei farmaci (in sigla PPRS).

Il nuovo sistema mantiene le caratteristiche di fondo del precedente: il Servizio sanitario contratta con le aziende il margine di profitto complessivo per l'anno, solo che ora anche il prezzo di ciascun farmaco di nuova introduzione sarà soggetto a discussione, mentre prima era l'azienda a stabilire quanto poteva costare alle casse pubbliche. Perno della determinazione del prezzo darà il valore clinico del medicinale, a sua volta stabilito dal National Institute for Clinical Excellence (NICE) sulla base di strumenti di valutazione ampiamente rivisti rispetto al passato. Lo scopo è da una parte risparmiare (si parla di una riduzione annua del 5% della spesa complessiva per i cinque anni di vigenza del sistema) ma anche troncare le polemiche sull'impiego dei farmaci innovativi, che molti giudicavano frenato da parte del NICE per ragioni di costo. Infatti, se sul prezzo ci sarà meno libertà, si avvieranno anche progetti per guidare i medici alla prescrizione dei nuovi e più costosi prodotti secondo le linee guida stabilite dal NICE. Inoltre, nel caso per esempio che emerga una nuova indicazione, il prezzo del farmaco potrebbe incrementarsi (o ridursi se venisse meno il suo valore). Da dove verranno i risparmi? Soprattutto dall'uso del generico, che il Servizio sanitario britannico vuole promuovere, giudicando che un 17% delle prescrizioni di farmaci branded sia ancora eccessiva. La principale misura prevista a questo scopo è la possibilità per il farmacista di sostituire sempre la specialità con l'equivalente, a meno che il medico non indichi la non sostituibilità. Sembra una sfumatura, ma è cosa ben diversa dal sistema italiano della proposta. La sostituzione entrerà in vigore nel 2010, così come prevedeva anche il libro bianco sulla farmacia pubblicato dal Ministero della salute britannico lo scorso anno.

Fonte: Farmacista33, 19 gennaio 2009
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente http://darimar.altervista.org/movimento
 
Risparmi all'inglese
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il MUD inglese (e olandese)
» PROGRAMMA DI LETTERATURA INGLESE PROF. BRONZINI
» inglese
» Vendo Lingua e Traduzione Inglese appunti e fotocopie del corso 2011-2012
» Verbalizzazione Lab. INGLESE per non frequentanti

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Movimento Spontaneo Farmacisti Italiani - Forum :: Sezione pubblica :: Area sanitaria-
Andare verso: